Ta Lipa Pot

il “bel sentiero” della Val Resia

Ta lipa Pot è un percorso circolare permanente che si sviluppa attorno alla frazione di Stolvizza, perfetto per entrare in contatto con l’ambiente, la cultura e la storia della Val Resia. Percorrilo assieme a noi!

VAL RESIA

La Val Resia (Rosajanska Dolina in dialetto resiano; Rezijanska Dolina in sloveno; Val Resie in friuliano) si trova in provincia di Udine ma è un territorio caratterizzato da una cultura e una lingua di ceppo slavo completamente uniche e a sé stanti. Uno degli esempi, assieme a molti altri d’altronde, che testimoniano la grande ricchezza culturale della nostra regione.

Resia è un comune sparso, composto quindi da diverse frazioni: Gniva (Njiva), Oseacco (Osoane), Prato (Ravanca), San Giorgio (Bila), Stolvizza (Solbica), Uccea (Učja).

Qui si parla il resiano, una lingua paleoslava riconosciuta dall’UNESCO come lingua in via di estinzione. La valle termina infatti con una catena montuosa del quale il Monte Canin rappresenta la vetta più alta, e segna il confine tra Italia e Slovenia.

Parte del territorio fa parte del Parco naturale delle Prealpi Giulie, infatti qui si possono svolgere passeggiate ed escursioni.

Leggi tutti i nostri articoli su sentieri & passeggiate in Friuli Venezia Giulia

TA LIPA POT

Ta lipa Pot è un percorso circolare permanente che si sviluppa attorno alla frazione di Stolvizza di Resia. Ta Lipa Pot in resiano significa “la bella strada”: anticamente questa era la principale via di comunicazione della valle.

Ci sono due varianti dell’anello: la variante corta (5 km) che è quella che abbiamo fatto noi, e la variante lunga (10 km). La scelta del percorso lungo o corto si fa dopo aver percorso più di metà sentiero, in questo modo saprete quanto tempo/energie avrete per proseguire!

Entrambe le varianti si sviluppano ad anello e permettono di visitare un borgo caratteristico nei dintorni di Stolvizza. Inoltre si costeggiano e attraversano diversi corsi d’acqua.

IL SENTIERO

Percorrendo la strada che da Resiutta si inoltra nella valle, tralasciamo le diramazioni per Borgo Povici e più avanti per San Giorgio, Sella Carnizza e Oseacco si percorre la strada principale fino a giungere a Stolvizza dove si parcheggia presso la piazza dell’Arrotino.

Qui si può trovare la partenza di questo sentiero, segnalata da un evidente cartello in legno molto caratteristico!

Subito si giunge alla meravigliosa cascata del rio Po-Tok, che si può facilmente raggiungere con una piccola deviazione.

Si prosegue poi nel bosco, in questo periodo particolarmente affascinante grazie ai giochi di luce e ai colori caldi dell’autunno. Infatti, al Pino Nero, si affiancano anche diverse specie a foglie caduche.

Si giunge poi in località Hostjë, dove si trova La Casa Resiana, centro didattico naturalistico.

Ci addentriamo nuovamente nel bosco, dove ad un certo punto una simpatica sagoma di orso bruno attira la nostra attenzione. Una tabella didattica ci racconta qualcosa di questo animale che popola le nostre foreste (bello per i bambini!)

Raggiungiamo infine la parte che ci è piaciuta di più, la passerella sul Rio Malicen.

Da qui scendiamo nuovamente nel bosco fino ad arrivare al bivio: verso sinistra (percorrendo un piccolo tratto di strada asfaltata) andiamo verso l’abitato di Zamlin e percorriamo l’anello corto. Verso destra, invece, percorriamo l’anello lungo.

Noi scegliamo di percorrere l’anello breve (si avvicina l’ora di pranzo!) e quindi passiamo all’interno di Zamlin, borgo caratteristico con antiche case in pietra. Si risale poi verso Acchia, il piccolo pianoro destinato alla coltivazione di aglio, cipolle e patate, sino ad arrivare in paese, in Piazza dell’Arrotino, punto di partenza e d’arrivo.

Sentiero e mappa li trovate qui → ecomuseovalresia.it 

  • Punto di partenza: Stolvizza (quota 580 m)
  • Punto di arrivo: Stolvizza (quota 580 m)
  • Dislivello in salita: 200 m
  • Quota massima: 591 m
  • Quota minima: 430 m
  • Lunghezza: 5 km (percorso breve) – 10 km (percorso lungo)
  • Nostri tempi di percorrenza: 2,5 ore
  • Cartografia: Carta Tabacco 1:25000 foglio n. 027 – Canìn – Val Resia – Parco Naturale Prealpi Giulie

dislivello in salita

200

METRI

quota massima

591

METRI

quota minima

480

METRI

lunghezza

5

CHILOMETRI

tempo di percorrenza

2,5

ORE

DIFFICOLTà

Riepilogo

Come arrivare a Stolvizza: Percorrendo la strada che da Resiutta si inoltra nella valle, tralasciamo le diramazioni per Borgo Povici e più avanti per San Giorgio, Sella Carnizza e Oseacco si percorre la strada principale fino a giungere a Stolvizza dove si parcheggia presso la piazza dell’Arrotino.

Potrebbe interessarti anche…

Comments

comments